Ads 468x60px

EffeBiAi

Pages

29 maggio 2011

LA CREAZIONE DEL MITO: UN POPOLO PALESTINESE NON E' MAI ESISTITO - (Seconda parte)




I Filistei 

E' dal termine "filisteo", che il nome "palestinese" (peleshet) è stato preso. In effetti, gli antichi Filistei e i moderni palestinesi hanno qualcosa in comune: entrambi sono invasori di altri paesi..!! Ed è proprio questo il significato del loro nome, che non è una denominazione etnica, ma un aggettivo applicato loro: "INVASORI" dal termine orginario [peleshet], il "pelesh" è un verbo che significa "secessionisti", "intrusi". I Filistei erano una confederazione di popoli non semitici che provenivano dall'isola di Creta, le isole dell'Egeo e dall'Asia Minore; noti anche come "popoli del mare". Le tribù principali erano Tzekelesh, Shardana, Akhaiusha, Danauna, Tzak Messa o Meshwesh, Lukki, Dardano, Tursha, Keshesh o Karkisha, Labuan e Irven. La patria originaria del gruppo dominante nella federazione dei Filistei, ossia la "peleshati", era l'isola di Creta. Quando la civiltà minoica crollò improvvisamente, anche la cultura minoica di Creta scomparve a causa degli invasori che provenivano dalla Grecia e che assunsero il controllo dell'isola. Questi antichi Cretesi arrivarono anche ​​nel sud del paese di Canaan, ed erano conosciuti come "peleshtim e keretim" dagli Ebrei e dai popoli Cananei (che erano alleati per combattere gli invasori). Il primo insediamento dei Filistei sembra essere stato proprio quello di Gaza, il cui nome originale era "Minoah" un chiaro riferimento al regno Minoico da cui essi provenivano. Hanno anche invaso l'Egitto e sono stati sconfitti dal faraone Ramses III, nel 12 ° secolo a.C. I Filistei erano organizzati in città-stato, essendo il nucleo Pentapoli: Gaza, Ashdod, Ashkelon, Gath e Ekron e il suo territorio originario sulla costa mediterranea, era un po 'più ampio di quello attuale "striscia di Gaza" e una parte della regione di Giuda. Essi non hanno mai conquistato Hebron, Gerusalemme e Gerico..!! 

I popoli del mare che invasero l'Egitto furono deportati in altre terre del Mediterraneo e non si evolvettero per diventare un popolo arabo, ma scomparvero e non furono più riconoscibili sin dall'epoca romana. Quelli che vivevano nella regione di Canaan furono sconfitti dal re David, i migliori guerrieri tra di essi furono scelti da David come sua guardia personale. I Filistei erano ancora a Gaza quando tutta la regione fu sottomessa da Sargon II di Assiria, e dopo quel tempo essi scomparvero dalla storia. Mai più sono stati citati dal ritorno degli ebrei dalla deportazione in Babilonia. 

Conclusione: nessuna persona al mondo potrebbe dimostrare la discendenza filistea dei palestinesi, tuttavia, se i palestinesi insistono nel rivendicare uno Stato mai esistito in quella regione, allora devono riconoscersi come invasori della terra di Israele, e dovrebbero chiedere alla Grecia di restituire loro l'isola di Creta..!! I Filistei sono estinti, e qualsiasi riferimento ad un presunto rapporto genetico con loro è completamente falso in quanto è storicamente impossibile da stabilire. In ogni caso, la rivendicazione del patrimonio filisteo è inutile perché non può legittimare qualsiasi paese in cui si sono stabiliti occupanti stranieri e non abitanti nativi. I filistei non erano arabi, e l'unica caratteristica comune tra i due popoli è che Israele dovrebbe essere considerato come loro un invasore, i Filistei dal mare e i Semiti dal deserto. Non vogliono Gerusalemme come loro città, che non è mai stata di loro interesse, vogliono semplicemente uccidere gli ebrei, a cui è appartenuta per tremila anni. I Filistei hanno preso agli israeliti l'Arca del Patto, e i palestinesi moderni tentano di prendere la città del Patto. Questo è il VERO spirito che domina le azioni e le emozioni di quelle masse di uomini e donne controllati dagli illuminati.

Palestinesi: No, non sono affatto un antico popolo, ma lo propagandano come verità. Sono nati in un giorno, dopo la guerra dei sei giorni nel 1967. Se fossero veri Cananei, parlerebbero ebraico e chiederebbero alla Siria di ridargli la loro terra occupata in Libano, ma non lo sono affatto..!! Se fossero Filistei, chiederebbero l'isola di Creta (civiltà Minoica) alla Grecia, avrebbero riconosciuto che non hanno nulla a che fare con la Terra di Israele, e avrebbero chiesto scusa a Israele per aver rubato l'Arca dell'Alleanza.

La terra chiamata "Palestina" 

Nel secondo secolo d.C., l'ultimo tentativo da parte degli ebrei di raggiungere l'indipendenza dall'impero romano si è conclusa con la famosa caduta di Masada, che è storicamente documentata e universalmente riconosciuta come il fatto che ha determinato la diaspora ebraica in modo definitivo. La terra dove questi eventi si sono verificati era conosciuto fino ad allora come la provincia della Giudea, e non vi è alcuna menzione di un luogo chiamato "Palestina", prima di quel momento. L'imperatore romano Adriano era molto arrabbiato con la nazione ebraica e voleva cancellare il nome di Israele e Giuda dalla faccia della terra, in modo che nessun paese avrebbe avuto alcun ricordo per appartenere a quel popolo ribelle. Allora decise di sostituire il nome di quella provincia romana; e ricorse alla storia antica per trovare un nome che avrebbe potuto essere opportuno per cancellare l'altro, così fu scoperto che un popolo estinto, sconosciuto in epoca romana, denominato "Filistei", un tempo aveva vissuto in quella zona ed era stato nemico giurato degli Israeliti. Pertanto, usando l'alfabeto latino, restaurò il vecchio nome di quel popolo "Peleshet", coniando un nuovo nome: "Palaestina", un nome che sarebbe stato fastidioso per gli ebrei perchè ricordava loro i vecchi rivali.  

Lo fece con l'esplicito scopo di eliminare tutte le tracce dalla memoria dei popoli, della storia ebraica. Gli antichi romani, come i palestinesi moderni hanno rispettato la profezia della Scrittura che dice: "Poiché, ecco, i tuoi nemici si agitano, i tuoi avversari alzano la testa. Tramano insidie contro il tuo popolo e congiurano contro quelli che tu proteggi. Dicono: «Venite, distruggiamoli come nazione e il nome d'Israele non sia più ricordato!» Poiché si sono accordati con uno stesso sentimento, stringono un patto contro di te"- (Salmo 83:3-4). Ma Israele e la sua memoria sono ancora vive. Qualsiasi persona onesta avrebbe riconosciuto che non vi è alcuna menzione del nome Palestina nella storia, prima che i Romani ribattezzassero la provincia della Giudea come [Palaestina], e che questo nome non si trova in alcun documento antico, non è scritto in alcuna fonte Biblica, sia nelle Scritture ebraicche che nel Nuovo Testamento greco, né in assiro, nè nelle fonti persiane, macedoni, tolemaiche, seleucidi e greche, e che nessun "palestinese" è mai stato menzionato, NEMMENO DA PARTE DEI ROMANI CHE HANNO REINVENTATO IL TERMINE.

 
Se "i palestinesi", presumibilmente furono gli abitanti storici della Terra Santa, perché non lottarono per l'indipendenza dalla dominazione romana come hanno fatto gli ebrei?  
Come è possibile che nessun leader palestinese condusse una rivolta contro gli invasori romani figura in alcun documento storico?  
Perché non sorse un qualsiasi gruppo di ribelli palestinesi, per esempio come gli zeloti ebrei?  
Perché tutti i documenti storici citano gli ebrei, gli abitanti nativi, i Greci, i Romani e gli altri come dimora degli stranieri in Giudea, ma non un popolo palestinese, sia come nativo o straniero? 

Inoltre, non vi è alcun riferimento a un popolo palestinese nel Corano, anche se i musulmani affermano che il loro profeta è stato una volta a Gerusalemme (un evento non menzionato affatto nel Corano). Risulta evidente che egli non incontrò alcun palestinese in tutta la sua vita, né i suoi successori. Il califfo al-Ayyub Salahuddin (il famosissimo Saladino), conosceva gli ebrei e li ha invitati gentilmente a stabilirsi a Gerusalemme, che ha riconosciuto come la loro patria, ma non ha mai visto alcun palestinese ... Dire che i palestinesi sono il popolo originario di Eretz Yisrael non è solo contro la storia secolare, ma anche contro la storia islamica. Il nome "Falastin" che gli arabi oggi usano per "Palestina" è un nome arabo, ma è stato adottato e adattato dal "Palaestina" latino. Come può un popolo arabo avere un nome occidentale invece di uno nella sua lingua? Perché il termine "palestinese" per un piccolo gruppo di arabi è solo una creazione politica moderna senza alcuna base storica o etnica, e non indica alcun popolo prima del 1967.  

Uno scrittore e giornalista arabo ha dichiarato:

  "Non c'è mai stata una terra conosciuta come Palestina governata dai palestinesi. I palestinesi sono arabi, indistinguibili dai giordani (un'altra recente invenzione), siriani, iracheni, ecc. Tenete a mente che gli arabi controllano il 99,9 per cento del Medio Oriente. Israele è un decimo dell'uno per cento della terra. Ma questo è troppo per gli arabi. Loro lo vogliono tutto. E questo è in definitiva il motivo dei combattimenti con Israele ... Non importa quante concessioni di terre faranno gli israeliani, non sarà mai abbastanza " .

    
- Joseph Farah, "Miti del Medio Oriente" - 

Prendete in considerazione ciò che altri arabi sinceri hanno dichiarato:

    
"Non c'è mai stato un paese chiamato Palestina."Palestina" è un termine inventato dai sionisti. Non c'è una Palestina nella Bibbia. Il nostro paese è stato per secoli parte della Siria. "Palestina" è estranea a tutti noi. Sono i sionisti che hanno introdotto questo nome. 

 
- Ainu bambini Bey Abdul-Hadi, siriano leader arabo nel British Commission Peel, 1937 - 


   "Non esiste una cosa come la Palestina nella storia, assolutamente no"

    
- Professor Philip Hitti, storico arabo, 1946 -

    
"E 'di dominio pubblico il fatto che la Palestina non è altro che Siria meridionale"

    
- Rappresentante di Arabia Saudita alle Nazioni Unite, 1956 - 


Le dichiarazioni, fatte dai politici arabi prima del 1967, non avevano la minima idea dell'esistenza di un popolo palestinese. Come e quando hanno invece cambiato idea ed hanno deciso che questo stato esiste..?? Quando lo Stato di Israele fu ristabilito nel 1948, i "palestinesi" non esistevano ancora, gli arabi non avevano ancora scoperto questo "vecchio" popolo. Erano impegnati con l'obiettivo di cancellare il nuovo Stato Sovrano e non avevano affatto intenzione di creare un'entità palestinese, ma solo di ri-distribuire la terra tra gli Stati arabi esistenti. Sono stati sconfitti. Provarono di nuovo a distruggere Israele nel 1967, e sono stati umiliati in soli sei giorni, in cui hanno perso la terra che avevano usurpato nel 1948. In quei 19 anni di occupazione araba di Gerusalemme, la Giudea, Samaria e la  striscia di Gaza, né la Giordania, nè l'Egitto, "suggerirono" l'idea di creare uno stato "palestinese" perché i palestinesi non esistevano ancora ... Paradossalmente, durante il mandato britannico, nessun gruppo arabo è stato chiamato "palestinesi", ma [ebrei]..!!

Cosa hanno dichiarato altri arabi dopo la Guerra dei sei giorni:

    
"Non c'è differenza fra giordani, palestinesi, siriani e libanesi. Siamo tutti parte di una nazione. E' solo per ragioni politiche che sottolineiamo la nostra identità palestinese, in particolare ... sì, l'esistenza di una identità separata palestinese serve solo per scopi tattici. La fondazione di uno Stato palestinese è una nuova arma per continuare la battaglia contro Israele ".
 
 - Zuhair Muhsin, comandante militare del membro del consiglio esecutivo dell'OLP - 

  "Tu non rappresenti la Palestina, come possiamo noi, non dimenticare questo punto:.. Non c'è una cosa come un popolo palestinese, non vi è nessuna entità palestinese, c'è solo la Siria. Voi siete parte del popolo siriano, la Palestina è parte integrante della Siria. Quindi noi, le autorità siriane, siamo i veri rappresentanti del popolo palestinese ".

    
- Il dittatore siriano Hafez Assad al leader dell'Olp Yasser Arafat - 




"Quando ho vissuto in Palestina, tutti quelli che conoscevo potevano risalire alle loro origini e al paese d'origine di cui venivano i bisnonni. Tutti sapevano perfettamente che le loro origini non venivano affatto dai popoli Cananei, ma ironia della sorte, questo è stato uno dei temi della nostra educazione Medio Oriente incluso. Il fatto è che i palestinesi di oggi sono solo immigrati provenienti dalle nazioni vicine. Sono cresciuto sapendo bene che la storia e le origini dei palestinesi di oggi venivano dallo Yemen, Arabia Saudita, Marocco, Grecia, Sherkas musulmani russi, musulmani bosniaci, e dalla Giordania. Mio nonno, che era un dignitario a Betlemme, perse la vita prima dell'avvento di Abdul Qader Al-Husseni (il leader della rivoluzione palestinese), dopo essere stato accusato di aver venduto terreni agli ebrei. Egli sapeva che la sua gente quando venne a Beit Sahour (Campo dei pastori) nel distretto di Betlemme era un deserto e il padre venne a stabilirsi lì con sei altre famiglie."

    
- Shoebat Walid, un arabo ex-palestinese - 

Anche quando gli arabi hanno dominato la regione dal 640 d.C. fino a 1.099 d.C., non sono mai stati la maggioranza della popolazione. Quasi tutti gli abitanti erano cristiani, assiri, armeni ed ebrei.
Se i documenti storici, i commenti scritti da testimoni oculari e le dichiarazioni dei più prestigiosi studiosi arabi non sono ancora sufficienti, allora si può citare l'autorità più importante per gli arabi musulmani:

    
"Rivolgendosi [Allah] disse ai figli di Israele: 'abitate sicuramente nella Terra Promessa. E quando l'ultima denuncia passerà, riuniremo quì grandi moltitudini.' .."

    - Corano 17:104 -  

Ogni sincero musulmano deve riconoscere la Terra che chiamano "Palestina", come la patria degli ebrei, secondo il libro che considerano il più sacro e la rivelazione finale di Allah.

La continuità della presenza ebraica in Terra Santa 

Ogni volta che si arriva alla questione della popolazione ebraica in Israele, è data per scontata l'idea che gli ebrei sono "di ritorno" in patria dopo due millenni di esilio. E 'vero che questo è il caso per la maggior parte degli ebrei, MA NON TUTTI. Non è corretto dire che l'intera nazione ebraica era in esilio. Il lungo esilio, conosciuto come "la diaspora", è un fatto documentato che conferma la legittimità della rivendicazione ebraica in Terra d'Israele, ed è il risultato delle guerre di indipendenza ebraiche dall'Impero romano. Se "i palestinesi", presumibilmente eranop gli abitanti storici della Terra Santa, perché non lottarono per l'indipendenza dalla dominazione romana come hanno fatto gli ebrei? Come è possibile che neanche un solo leader palestinese che condusse una rivolta contro gli invasori romani è stato mai menzionato in alcun documento storico? Perché tutti i documenti storici citano gli ebrei e gli abitanti nativi, Greci, Romani e gli altri come stranieri che vivono in Giudea, ma nessun popolo palestinese sia come nativo che come straniero? Dopo l'ultima guerra, l'imperatore Adriano saccheggiò Gerusalemme nel 135 d.C. e cambiò il suo nome in "Aelia Capitolina", e il nome della Giudea da "Palaestina", per rimuovere l'identità ebraica della faccia della terra. La maggior parte degli ebrei furono espulsi dalla loro terra dai romani, che determinarono l'inizio della grande diaspora. Tuttavia, piccoli gruppi di ebrei rimasero in molte zone della regione che fu chiamata "Palestina", con i loro figli vissero in quelle terre continuamente per generazioni fino a quando i pionieri sionisti cominciarono a rientrare in massa alla fine del XIX° secolo. Pertanto, la pretesa ebraica in Terra d'Israele è giustificata non solo in base all'antica promessa biblica, ma anche da una presenza permanente degli ebrei come unica comunità autoctona etnica in Terra Santa. Attraverso i secoli e nelle diverse dominazioni, l'ebreo "palestinese" non è mai stato all'assimilato, ma ha mantenuto la sua identità spirituale e culturale, e le relazioni con le altre comunità ebraiche del Medio Oriente. L'afflusso continuo di ebrei Mizrachim (Orientali) e sefarditi (mediterranei spagnoli) verso la Terra Santa hanno contribuito a mantenere l'esistenza della popolazione ebraica nella zona. Questa permanente presenza Ebraica in quella terra impropriamente chiamata Palestina, precede di molti secoli l'arrivo del primo conquistatore arabo. 

Anche quando Gerusalemme fu dichiarata proibita agli ebrei in periodi diversi (dal momento che i romani proibivano a tutti gli ebrei entrare nella città), molti di essi si stabilirono nelle immediate vicinanze.. e in altre città e villaggi della regione. Una comunità ebraica è stata fondata sul monte Sion. Il dominio Romano prima e poi bizantino era opprimente, agli ebrei era vietato fare preghiere al Kotel, dove vi era il Sacro Tempio. I Persiani sasanidi presero il controllo di Gerusalemme nel 614 d.C. alleati con gli ebrei locali, ma cinque anni più tardi la città cadde sotto il controllo di Bisanzio, che fu effimero perché nel 638 d.C. Gerusalemme fu catturata dal califfo Omar. Questa è stata la prima volta che un leader arabo mise piede nella Città Santa, patria di popoli non arabi (ebrei, assiri, armeni, greci e le altre comunità cristiane). Gli ebrei dopo secoli di oppressione da parte dei romano-bizantini accolsero con favore i conquistatori arabi, nella speranza che le loro condizioni migliorassero. Gli arabi trovarono una forte identità ebraica, e intorno a Gerusalemme gli ebrei vivevano in ogni quartiere del paese e su entrambi i lati del Giordano. In realtà, gli ipotetici "palestinesi" che storicamente avevano vissuto in quelle terre non erano altro che gli stessi ebrei..!! Città come Ramallah, Gerico e Gaza sono state sempre interamente ebraiche fino a quel momento. Gli arabi, che non avevano un nome nella propria lingua per descrivere questa regione, hanno adottato il nome latino "Palaestina", che tradotto in arabo suona come "Falastin". 

I primi immigrati arabi che si stabilirono nella impropriamente chiamata Palestina - o secondo la concezione moderna delle Nazioni Unite, i primi "profughi palestinesi", erano arabo-ebrei, vale a dire Nabatei
che avevano adottato il giudaismo. Prima dell'Islam, i prosperosi e ricchi centri di "Khaybar" e "Yathrib" (rinominata Medina) erano ebrei, le città dei Nabatei. Quando le orde musulmane conquistarono la penisola arabica, tutta la ricchezza è stata ridotta in macerie, i musulmani perpretarono grandi massacri contro gli ebrei e li rimpiazzarono con masse ignoranti di "fellahin" sotto la nuova religione. I sopravvissuti dovettero fuggire e rifugiarsi in Terra Santa, in particolare a Gerico e Dera'a, su entrambi i lati del Giordano. I califfi arabi (Omayyadi, Abbasidi e Fatimidi) controllarono la zona fino al 1071 d.C., quando Gerusalemme fu conquistata dai Turchi seleucidi e dopo quel tempo, ma non è mai stata sotto la dominazione araba. Durante tale periodo, gli arabi non hanno mai avuta una struttura permanente sociale, ma si limitarono a governare sui non-nativi abitanti arabi, cristiani ed ebrei. Qualsiasi storico onesto può notare che gli arabi governarono la Terra Santa tre secoli meno di quanto dominarono la Spagna! Nel 1099 d.C., i Crociati europei conquistarono l'impropriamente chiamata Palestina e stabiliscono un regno politicamente indipendente, ma non svilupparono mai una identità nazionale; era solo un presidio "cristiano" dell'Europa. I crociati erano perversi e cercarono con ogni mezzo di eliminare tutte le espressioni della cultura ebraica, ma tutti gli sforzi si conclusero senza successo. Nel 1187 d.C., gli ebrei hanno parteciparono attivamente con Salah-ud-Din Al'Ayyub (Saladino) contro i crociati nella conquista di Gerusalemme.  

Saladino, che era il più grande conquistatore musulmano [non era un arabo], ma un curdo..!! I Crociati tornarono e presero Gerusalemme nel 1229-1244 d.C. Seguì un periodo di caos e di invasioni mongole fino al 1291 d.C., quando i mamelucchi completarono la conquista della maggior parte del Medio Oriente e misero la loro capitale al Cairo, in Egitto. i Mamelucchi erano originariamente mercenari dell'Asia centrale e del Caucaso, impiegati dai califfi arabi erano un guazzabuglio di persone il cui principale contingente era composto da Cumani, una tribù turca noto come Kipchak, collegati ai Seleucidi, kimaks e altri gruppi. Tutti questi erano caratterizzati dal loro comportamento ambiguo, perché gli eserciti mercenari Cumani spesso servivano eserciti nemici contemporaneamente. Nel 1517 d.C., Gerusalemme e la Terra Santa vengono conquistati dai turchi ottomani e rimangono sotto questa dominazione per quattro secoli, fino al 1917 d.C., quando i britannici catturano Gerusalemme e istituito il "Mandato di Palestina". Era la fine dell'Impero Ottomano (Il Califfato), che sottomette tutti i paesi chiamati arabi sino ad ora. Infatti, dopo la caduta del Califfato nel 945 d.C., non vi fù alcuna entità politica araba in Medio Oriente per un millennio..!! 

All'inizio del ventesimo secolo d.C., la popolazione della Giudea e della Samaria, impropriamente chiamata "Cisgiordania" - aveva meno di 100.000 abitanti, la maggioranza dei quali erano ebrei. Gaza non ha avuto più di 80.000 "nativi" fino al 1951 a conclusione della Guerra di Indipendenza di Israele contro l'intero mondo arabo. Gaza è stata occupata dagli arabi: Come è possibile che in soli 50 anni sia cresciuta da 80.000 a oltre un milione di persone? Sono questi arabi di Gaza, tutti così abili ad procreare in modo soprannaturale..?? L'immigrazione di massa è l'unica spiegazione plausibile per una crescita del genere della popolazione. L'occupazione araba tra il 1948 e il 1967 è stata una grande opportunità per i leader arabi per promuovere l'immigrazione di massa di "palestinesi" (una miscela di immigrati arabi), in Giudea, Samaria e Gaza da tutti i paesi arabi, in particolare Egitto, Siria, Libano, Iraq e Giordania. Infatti, dal 1950 fino alla Guerra dei sei giorni, sotto il governo giordano, sono stati fondati più di 250 insediamenti arabi in Giudea e Samaria. La recente costruzione di case arabe sulla base dei materiali utilizzati con blocchi di cemento per costruire dimostra il supporto del governo israeliano che ha permesso a più di 240.000 i lavoratori di entrare in Giudea e Samaria attraverso il confine giordano a partire dalla Conferenza di Oslo - solo per permettere loro di insediarsi in questi territori come i coloni arabi. Il numero reale è probabilmente più alto. Se centinaia di migliaia di lavoratori immigrati in Medio Oriente stanno arrivando in Giudea, Samaria e Gaza, è perché qualcuno è tenuto a dare loro lavoro? In realtà è il contrario, è solo per comprare finanziariamente le persone che rifiutano di accettare la cittadinanza israeliana o giordana, è solo per attrarre più immigrati nella zona di israele. L'Arabia Saudita ha espulso in un solo anno più di 1.000.000 di immigrati senza cittadinanza. È sufficiente che qualcuno penserà che sono tutti "palestinesi", considerando la definizione di "palestinese", come le Nazioni Unite: tutti gli arabi che hanno trascorso due anni in "Palestina", prima del 1948 e i loro discendenti, con o senza alcuna prova o documento. Questa definizione è stata appositamente progettata per includere gli arabi immigrati (non coloni!).
 
Perfidia inglese

La coltivazione del desertico terreno incolto iniziò nel mezzo dello scorso Secolo con l'arrivo dei primi pionieri ebrei. Il loro lavoro ha creato nuovi e migliori condizioni di opportunità, che a sua volta hanno attratto gli immigrati da molte parti del Medio Oriente, soprattutto arabi, ma anche curdi e altri. La Dichiarazione Balfour del 1917, sottoscritta dalla Società delle Nazioni ha ribadito al governo britannico (che ha preso il controllo della Terra Santa, dopo aver sconfitto i turchi ottomani) il principio che "il governo di Sua Maestà" vede con favore la costituzione in Palestina del Jewish National Home, e si adopera per facilitare il raggiungimento di tale obiettivoÈ stato precisato che in quel settore della regione si sarebbe aperto un "insediamento ebraico" è che i diritti delle persone che già vivevano nel paese avrebbero dovuto essere preservate e protette. Il "Mandato per la Palestina", come veniva chiamata la terra occupata dagli inglesi, che originariamente includeva tutto ciò che è oggi la Giordania, e tutto Israele, ed erroneamente chiamati "territori" tra i due (?)-In realtà, il fiume Giordano e il Mar Morto è l'unico "territorio" tra Israele e il Regno hashemita.

Tuttavia, gli interessi politici ed economici della Gran Bretagna e dell'Arabia divennero rapidamente una vergognosa politica anti-ebraica. Il governo britannico ha limitato l'immigrazione ebraica in modo costante. Nel 1939 l'ammissione degli ebrei ad entrare nella Terra Santa è stata completata. Nel momento in cui gli ebrei d'Europa avevano più bisogno di riparo, i britannici si rifiutarono di farli tornare sulle loro terre che erano l'unica speranza di liberazione dalle atrocità della Shoah. Sì, il governo britannico non è meno colpevole della Germania nazista a causa della Shoah! Contemporaneamente i britannici fomentarono e sostennero una massiccia immigrazione di massa di popolazioni arabe nelle terre ad ovest del Giordano. Successivamente, tutta la terra della Palestina a est del fiume Giordano è stata data agli arabi e fu istituito lo stato fantoccio della "Trans-Giordania", il nome fu poi cambiato in "Giordania", dopo che gli arabi occuparono la parte occidentale nel 1948. Non c'era nessun nome storico o tradizionale arabo per questa terra. Con questo atto politico, che ha violato i termini della Dichiarazione Balfour e il Mandato delle Nazioni Unite, gli inglesi rubarono più del 75% della Jewish National Home. Nessun Ebreo è mai stato autorizzato a risiedere a est del fiume Giordano. Quindi sono rimasti al di sotto del 25% del mandato della palestina, e anche in questo residuo, gli inglesi hanno violato i requisiti di Balfour e il mandato per la creazione del Jewish National Home e per l'insediamento ebraico".  Area progressivamente limitata in cui gli ebrei potevano acquistare terreni direttamente, costruire, crescere e lavorare. Dopo la Guerra dei Sei Giorni nel 1967, Israele è stata finalmente insediata su un terreno che era stato proibito agli ebrei dagli inglesi. Tuttavia i successivi governi britannici regolarmente condannano gli insediamenti ebraici come "illegali". Infatti, gli inglesi stavano agendo illegalmente, vietando l'accesso degli ebrei alla Jewish National Home! In conclusione vergognosamente, quando la votazione ha avuto luogo presso le Nazioni Unite per la creazione dello Stato d'Israele il 29 novembre 1947, il Regno Unito si è astenuto. Israele ha riconosciuto l'URSS, i paesi comunisti, gli Stati Uniti e le Filippine. Quando gli inglesi dovettero lasciare la Terra Santa, lasciarono le loro armi nelle mani degli arabi - mentre il divieto agli ebrei di possedere armi, che dovevano essere contrabbandate per difendersi contro gli imminenti attacchi arabi, in cui gli inglesi sarebbero stati distaccati e privi di ogni responsabilità ...

Un "vero" popolo palestinese non è MAI esistito e non esiste affatto, le vittime sono da entrambe le parti in egual misura e la propaganda degli "illuminati-sionisti" offusca le menti dei soggeti deboli alle creazioni di miti e leggende a cui aggrapparsi per dare un senso a questo SIX-TEMA ormai senza senso.

Non arroccatevi su posizioni senza prima esservi ACCERTATI DI OGNI COSA per attenervi a ciò che è eccellente secondo Elohà, e non giudicate prima di aver visto la fine della MATRIX.


In Verità.

5 commenti:

ABP53 ha detto...

Io rappresento la vostra attenzione il film:
La strategia di lunga durata di superamento dell'islam coranico dagli padroni del progetto Bibbia
Sei principi della manipolazione globale

till eulenspiegel ha detto...

voglio un mondo senza regole senza confini senza passaporti dove sia riconosciuto il diritto di esistere ad ognuno dove non sia solo sancito il diritto naturale alla sopravvivenza ma il diritto ad avere quanto basta per lo sviluppo del proprio potenziale umano, dove non esista coercizione ma condivisione, un mondo dove sia bandita finalmente la menzogna gli eserciti e la violenza, dove nessuno alzi più il suo pugno contro nessun altro.
ma quanti sono disposti a vivere liberi ? quanti a rinunciare a tutte le loro false certezze, alla falsa sicurezza, alla propria falsa religione ? quanti sono disposti a fare questo salto nel buio verso la vera natura dell'uomo ? quanti sono disposti a rinunciare a questo sixtema ? quanti agenti smith ci sono su questa strada ? quanto egoismo e quanta cattiveria invidia stupidità e attaccamento a mammona dovrò uccidere prima di poter vivere libero di erba e acqua come un vero cosacco sa fare ?

Innominato ha detto...

Ma il tuo libro non doveva essere libero?

singalong ha detto...

Come faccio a scaricare il libro?

Innominato ha detto...

Bojs sul serio, come possiamo scaricare il libro?